HOME > escursioni > Escursioni > maggio
il Gusto dei Sassi
Data evento 28/05/2017

Ritrovo: Parcheggio del Parco, Via Pieve di Trebbio (Guiglia) ore 9.30

Percorso: ad anello di 9 Km circa

Dislivello: 520m

Difficoltà: Escursionistica (Media)

Durata: 4,5h soste incluse, rientro previsto per le 13.30 circa

 

 

 

Dati Tecnici:

Percorso ad anello di 9,08 Km;

Tipo di fondo: sentieri (4,2 Km circa), Prato (600 m circa), Strada bianca

o sterrata (2,5 Km circa), Strada asfaltata (1,8 Km circa);

Dislivello: 524 m.

Pendenza in salita: max 52,2% - media 10,5%;

Pendenza in discesa: max 44,2% - media 10,4%:

Fascia di altitudine: 293 – 546 m s.l.m.;

Durata complessiva incluse soste: 5,5 h

Difficoltà: E (Escursionistico)

 

 

Il Parco Regionale dei Sassi di Rocca Malatina, sito di interesse comunitario e

zona di protezione speciale, è stato istituito nel 1988 e protegge circa 2300

ettari di territorio del primo-medio appennino modenese nei comuni di Guiglia,

Zocca e Marano sul Panaro.

Al centro del parco, caratterizzato da dolci colline, boschi di castagni e coltivi,

svettano maestose le imponenti guglie di arenaria dei Sassi.

Posizionato sulla sponta destra del fiume Panaro, il parco comprende vari

paesaggi, una ricca biodiversità e habitat differenti concentrati in una piccola

porzione di territorio: dai castagneti degli ambiti montani agli incolti argillosi di

bassa collina, dai boschi ripariali dei greti fluviali ai fenomeni di carsismo delle

grotte e inghiottitoi, dai coltivi collinari ai piccoli borghi medievali.

Tra pievi, antiche torri rondonare e borghi, ad esaltare la cultura e le specialità

del territorio spiccano i musei del Borlengo e del Castagno.

Il territorio è stato abitato dall'uomo fin dall'antichità ed è stato conteso in epoca

medievale per la sua conformazione, infatti la sua aspra orografia facilitava la

difesa dei fortilizi. La più importante famiglia aristocratica che vi abitò e ne

dominò i confini tra il XII e il XIV secolo, edificando un formidabile sistema

difensivo composto da quattro rocche, fu quella dei Malatigni.

L'escursione è stata pensata per poter vivere il territorio sotto tutte le sue

sfumature: percorrendo l'antica via Romea Nonantolana e attraverando i boschi

e i borghi si respirerà la natura e la storia del Territorio, la Sagra del Borlengo

darà un tocco di gusto e farà scoprire a chi ancora non lo conoscesse un piatto

tipico di una cucina di una volta.

 

 

 

Contributo e quote soci:

10 euro adulti e 7 euro bambini sotto i 12 anni

L’iniziativa è rivolta ai soci e l’iscrizione all’associazione e la prenotazione all'evento sono obbligatorie entro le 14:00 di sabato 27/05 .

 

La quota associativa è di 3 euro con assicurazione RCT o di 6 eurocon estensione RCT+INFORTUNI ed ha validità per l'anno solare in corso.

L'escursione sarà condotta da guida Ambientale-Escursionistica abilitata associata ad AIGAE.

 

La prenotazione è obbligatoria e va effettuata tramite modulo online al seguente indirizzo:

 https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdZKN1kQEkEPTZOczzVNRGUin82VqLY16MV_IEjZ5PNuWOHWA/viewform

Per maggiori informazioni: scrivete a

info@geniusloci-escursioni.it

NB: La guida si riserva di modificare senza preavviso Il programma dell'escursione in caso di forza maggiore.